Storie emozionanti

Benvenuti su CARIFY, la più grande piattaforma di sottoscrizione auto in Svizzera. Nella nostra sezione media troverete storie emozionanti, approfondimenti importanti e notizie interessanti.

Non esitate a contattarci - abbiamo molto da raccontare. Invia un'e-mail a [email protected] o chiama semplicemente il +41 79 667 59 91.

CARIFY

Un sottoscrizione auto CARIFY offre una libertà assoluta

Oggi, più del 45% delle persone usano già modelli di sottoscrizione come Spotify o Netflix. Allora perché non usare le sottoscrizioni anche per le auto? L'abbonamento mensile più economico costa poco meno di 400 franchi. Tutti i costi associati all'uso del veicolo, come le tasse del veicolo, l'assicurazione, la manutenzione/tagliando, la vignetta autostradale e i pneumatici (compreso il cambio e il deposito) sono inclusi nella tariffa mensile. Così, il modello è assolutamente competitivo con il leasing e il finanziamento auto.

CARIFY is different from most car subscription providers

Invece di costruire e mantenere una propria flotta di veicoli, CARIFY vuole contrastare il problema dell'eccedenza di auto sul mercato nel lungo periodo e offre ai concessionari di auto in Svizzera l'opportunità di diventare essi stessi fornitori di auto in sottoscrizione tramite la piattaforma CARIFY. CARIFY offre ai clienti una grande libertà, perché non sono richiesti depositi iniziali o anticipi elevati e i clienti decidono da soli quando vogliono cancellare la sottoscrizione dell'auto o se vogliono facilmente cambiare il loro SUV in abbonamento con una cabriolet. Tutto può essere gestito online - l'unica cosa che resta da fare per il cliente è il pieno carburante. Dal 2019 la nostra startup è riuscita a superare tutte le aspettative, e si è già assicurata una posizione di mercato di tutto rispetto. I fondatori Sergio Studer e Raffael Fiechter vogliono scuotere lo statico mercato delle auto e stanno andando a tutto gas. Dopo tutto, secondo gli studi, il modello "Auto in Sottoscrizione" è destinato a prendere il 40% della quota di mercato entro il 2030.


Gli ultimi articoli